giovedì, 1 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Plastica e riciclo? Ecco lo steam cracking!

È credenza ormai diffusa che la plastica sia il principale contribuente agli impatti ambientali non legati alla CO2 e che il suo utilizzo sia da demonizzare. Plastic free è lo slogan alla base della lotta alla plastica. Chiaramente, questo non rispecchia la realtà delle cose. Ciò che deve cambiare è l’atteggiamento dell’uomo nella fase di post utilizzo dei prodotti plastici. La plastica, grazie all’elevata resistenza all’usura e al relativo basso costo di produzione, è tutt’ora uno strumento vincente per le giuste applicazioni.

Riciclo “verticale”

L’attuale approccio di riciclo delle materie plastiche è verticale poiché segue la gerarchia dei rifiuti. La plastica è degradata per produrne di riciclata. Ridurre la qualità del materiale rende impossibile un riciclo “infinito“.

Plastica, riciclo, circolare, verticale, steam, cracking, petrolchimica, Svezia, tecnologia, chimica, idrocarburi, vapore, reazioni, quenching, Energy Close-up Engineering
vglobale.it

Lo steam cracking

Lo steam cracking è, nella chimica industriale, un processo di petrolchimica nel quale gli idrocarburi saturi (con soli legami C-C) vengono ridotti a idrocarburi a catena più corta, generalmente insaturi (contenenti legami C=C o C≡C).

Plastica, riciclo, circolare, verticale, steam, cracking, petrolchimica, Svezia, tecnologia, chimica, idrocarburi, vapore, reazioni, quenching, Energy Close-up Engineering
researchgate.net

È il metodo più diffuso per produrre le olefine (etene e propene, ad esempio).

In breve, nello steam cracking, nafta, LPG o etano sono diluiti con vapore e  alimentati ad una fornace in assenza di ossigeno. La temperatura è di 850°C e il tempo di reazione è dell’ordine dei millisecondi per ottenere rese più elevate. La reazione viene poi fermata tramite un raffreddamento molto veloce (quenching).

Riciclo circolare

Svezia. Chalmers University di Goteborg. Il gruppo di ricerca di tecnologie energetiche del professore Henrik Thunman punta ad un processo di riciclo circolare. Il modo per fare ciò è proprio il processo di steam cracking. 

Plastica, riciclo, circolare, verticale, steam, cracking, petrolchimica, Svezia, tecnologia, chimica, idrocarburi, vapore, reazioni, quenching, Energy Close-up Engineering
chalmers.se

“Invece di seguire la tradizionale idea di riciclo verticale, ci siamo concentrati sul catturare gli atomi di carbonio nella plastica raccolta e sull’usarli per produrne di riciclata con qualità pari a quella nuova” afferma il professor Thunman. Il processo è applicabile a qualsiasi tipo di plastica, incluse quelle che di solito sono lasciate al landfilling.

Questa idea di riciclo potrebbe dare alla plastica riciclata un valore economico reale (produrne riciclata tende a costare di più che produrne di nuova) e minimizzare il “leakage“, e i suoi effetti, in natura. Potrebbe inoltre creare le condizioni per spingere a raccogliere la plastica già presente nell’ambiente.

Ed è proprio questo su cui porre l’attenzione. La plastica NON è un problema. Il problema è rappresentato dall’uomo e dal suo atteggiamento nei confronti della end of life dei prodotti plastici.

 

 

 

CUE FACT CHECKING

CueEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su energycue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rosario Tolomeohttps://energycue.it
Laureato in Ingegneria Chimica. Ingegnere di processo e consulente prima, PhD Student in Industrial Engineering su veicoli elettrici e batterie ora. Autore su #EnergyCuE da Maggio 2019. Appassionato di tecnologia, scienza, Giappone, energia e sostenibilità a tutto tondo.