domenica, 25 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Nagorno-Karabakh, guerra lontana ma non troppo, a rischio il gas in Italia

In Nagorno-Karabakh, tra Azerbaigian ed Armenia si combatte da più di 30 anni. Ora il conflitto si è riacceso. È a rischio il gas in Italia?

Il Nagorno-Karabakh è una zona del Caucaso meridionale al confine tra Armenia e Azerbaigian. Seppur riconosciuta dalla comunità internazionale come parte dell’Azerbaigian, la regione è abitata al 95% dalla comunità armena. La conseguenza è stata che, nel lontano 1994, il territorio si è autoproclamato indipendente con la creazione della Repubblica dell’Artsakh. Il conflitto va avanti da decenni, ma il 27 settembre 2020 è degenerato nuovamente.

Nagorno-Karabakh, Azerbaigian, Armenia, Turchia, Russia, gas, gasdotto, guerra, conflitto, TAP, fossili, approvvigionamento, Energy Close-up Engineering
ispionline.it

Perché il Nagorno-Karabakh è importante per l’Italia?

Il governo azero ha finanziato diversi programmi di investimento assieme al Fondo SOFAZ (State Oil Fund of the Republic of Azerbaijan). Parliamo di tantissime opportunità per le imprese italiane dal settore infrastrutturale a quello energetico, passando per il campo agroindustriale, chimico, petrolchimico, dei trasporti e dell’industria tessile. Tra le aziende presenti in Azerbaigian spiccano Eni e Unicredit, insieme ad altre circa 3.000 imprese italiane. Il Ministero degli Affari Esteri stima un investimento totale di quasi 600 milioni di dollari.

Nagorno-Karabakh, Azerbaigian, Armenia, Turchia, Russia, gas, gasdotto, guerra, conflitto, TAP, fossili, approvvigionamento, Energy Close-up Engineering
vestnikkavkaza.net

Da un punto di vista economico-commerciale, nell’ultimo triennio le nostre importazioni di greggio sono quasi raddoppiate. Siamo passati dai 2,9 miliardi di euro del 2016 ai circa 5 miliardi a fine 2019. Nel 2020? L’interscambio tra i due paesi si avvicina ai 6 miliardi di euro, pari al 18 per cento del commercio estero azerbaigiano.

Azerbaigian e l’approvvigionamento italiano di gas naturale

Gli scambi italo-azeri saranno ulteriormente favoriti dalla recente entrata in funzione del TAP (Trans-Adriatic Pipeline) che coinvolge Italia, Grecia, Albania, Turchia e non solo. Il TAP, di cui tanto si parla e si è parlato, è il gasdotto che trasporta in Europa gas naturale proveniente, appunto, dall’Azerbaijan e passante per il Nagorno-Karabakh. Il gas naturale è estratto dal giacimento offshore di Shah Deniz, al largo delle coste del Mar Caspio. la capacità stimata di estrazione e di circa 25 miliardi di metri cubi annuali di gas.

Nagorno-Karabakh, Azerbaigian, Armenia, Turchia, Russia, gas, gasdotto, guerra, conflitto, TAP, fossili, approvvigionamento, Energy Close-up Engineering
cronachedi.it

Se da una parte la produzione azera di greggio sta scemando, l’estrazione di gas naturale è più che quadruplicata negli ultimi 20 anni. Una delle più forti criticità, però, è il trasporto di tale ricchezza oltre i confini nazionali. L’Armenia non ha mai permesso il passaggio di gasdotti sul proprio territorio. Allora l’unica alternativa (pur rimanendo competitivi almeno quanto nazioni come Iran o Russia) è costruire infrastrutture che passino dall’Iran (al sud) o, meglio ancora, dalla Georgia (a nord).

Al momento non si sono registrati attacchi pesanti in punti strategici per il trasporto di combustibili fossili, ma un rapporto di SACE evidenzia come le pipeline che corrono vicino al confine con l’Armenia risultino un obiettivo sensibile. Parliamo di meno di 10 miglia, quindi facilmente raggiungibili da missili o da droni.

Nagorno-Karabakh, Azerbaigian, Armenia, Turchia, Russia, gas, gasdotto, guerra, conflitto, TAP, fossili, approvvigionamento, Energy Close-up Engineering
idsb.tmgrup.com.tr

Un danno alle infrastrutture energetiche si ripercuoterebbe di conseguenza sulle multinazionali attive nel settore, tra cui la nostra SNAM o la British Petroleum. Queste ultime hanno investito decine di miliardi di dollari.

A questo punto non ci resta che aspettare ed osservare come va a finire la situazione già molto delicata in Nagorno-Karabakh. Infrastrutture a parte, si contano già centinaia di morti e interi villaggi e cittadine distrutti.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su energycue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Lorenzo Rubino
Laureato magistrale a 24 anni in ingegneria energetica al PoliTO. Esperto in efficienza energetica industriale, commerciale, residenziale. Progettista tecnico di impianti rinnovabili e tradizionali. Responsabile di #EnergyCuE da marzo 2015. Appassionato di nuove tecnologie e policy, soprattutto se finalizzate alla sostenibilità della produzione di energia. Mi sento curioso, riflessivo ma anche spontaneo, diretto e pragmatico, da buon ingegnere!