domenica, 25 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Kamchatka: disastro ambientale negli oceani russi

Kamchatka: animali marini morti ricoprono le spiagge, in acqua livelli di prodotti petroliferi quattro volte superiori alla norma.

Le coste della Kamchatka sono da giorni ricoperte da carcasse di animali marini: foche, granchi, polpi, ricci, pesci di vario genere. Colpa del disastro ecologico in corso, come definito da Greenpeace, che lo scorso 4 ottobre ha condotto una spedizione esplorativa del luogo.

L’acqua della Kamchatka. Fonte: adnkronos.com

La spedizione esplorativa di Greenpeace in Kamchatka

Già da tre settimane diversi surfisti avevano iniziato a presentare strani sintomi, come bruciore agli occhi, mal di gola e vomito. E’ per questo che la squadra di Greenpeace ha deciso di partire in esplorazione. Sono state raccolte foto e video della zona, che mostrano un’importante contaminazione marina. Infatti, è stato osservato che l’acqua ha cambiato colore e densità, e che in vari punti è presente una schiuma giallastra in superficie. Sono stati trovati moltissimi animali morti sulle spiagge. Il fotografo subacqueo Aleksandr Korobok, dichiara inoltre di aver subito ustioni chimiche durante le immersioni.

In pericolo il mare della Kamchatka

Dopo le prime verifiche, la quantità di prodotti petroliferi era 4 volte superiore ai limiti, con una concentrazione di fenolo 2,5 più alta rispetto massimi consentiti. Questo ha causato la morte di moltissimi organismi, non solo in superficie ma anche a 10-15 m di profondità. Come una reazione a catena, questo distruggerà in breve anche i pesci che se ne nutrono, andando a minare sull’ecosistema marino tutto.

Il disastro ecologico della Kamchatka. Fonte:euronews

Le varie ipotesi del disastro

Ancora poco chiare le cause della contaminazione. In base alle analisi effettuate sui campioni di acqua, il ministro per l’Ambiente regionale Aleksej Kumarkov ipotizza uno sversamento di prodotti petroliferi da una nave di passaggio. Ma molti ecologi non si trovano d’accordo: il petrolio, più leggero dell’acqua, tenderebbe a formare una patina in superficie, e inoltre non avrebbe così alti livelli di tossicità. Secondo l’ecologo Dmitry Lisitsin, si trattrebbe piuttosto di una fuoriuscita di eptile, un carburante per missili molto tossico, da una delle tante installazioni militari presenti in Kamchatka. Un’altra ipotesi contempla una possibile perdita di pesticidi dal terreno. Ma c’è anche chi parla di fattori naturali.

Indagini in corso sulle coste della Kamchatka. Fonte: sputniknews.com

Alla ricerca della verità

Tutte le possibili versioni sono al vaglio delle autorità locali, che, come annunciato dal governatore regionale Vladimir Solodov, stanno esaminando la zona proprio in questi giorni. Come nel caso del disastro di Noril’sk, è alta la critica nei confronti del governo russo sulla tardività nell’arrivo delle informazioni.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su energycue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Giulia Rizzottihttps://energycue.it
Studentessa magistrale di Ingegneria Energetica all'Università degli Studi di Roma 'La Sapienza', con specializzazione nel settore dell'energia rinnovabile. Profondamente interessata alla tutela dell'ambiente, alla salvaguardia degli ecosistemi e degli esseri viventi tutti. In cerca di una corretta visione di interazione tra uomo e natura. Autrice per #EnergyCuE da giugno 2020.