giovedì, 1 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Russia, disastro ambientale al circolo polare artico

Il cedimento di un serbatoio di carburante ha causato lo sversamento di combustibile nel fiume Ambarnaya colorandolo di rosso: è un disastro ambientale.

Il Presidente Russo Vladimir Putin ha dichiarato lo stato di emergenza dopo che 20000 tonnellate di diesel sono state riversate in un fiume al circolo polare artico. Ancora una volta si verifica un disastro ambientale in Russia.

Cosa è accaduto?

Lo scorso venerdì, in un impianto nei pressi di Norilsk, una città siberiana, la struttura di un serbatoio di carburante ha ceduto causandone lo sversamento. Si ritiene che il cedimento del terreno sotto i serbatoi di stoccaggio del carburante abbia causato la fuoriuscita. La causa di questo cedimento sembrerebbe essere l’anomalo scioglimento del permafrost artico.

Russia, diesel, disastro, ambiente, emergenza, contenimento, sversamento, Energy Close-Up Engineering
bbc.com

Secondo quanto emerge dalle prime indiscrezioni, il Ministro russo per le emergenze, Yevgeny Zinichev avrebbe affermato che la comunicazione sia arrivata con due giorni di ritardo, giorni nei quali si è cercato di contenere il riversamento. L’incidente sembra essere il secondo più grande nella storia della Russia in termini di volumi riversati.

Russia, diesel, disastro, ambiente, emergenza, contenimento, sversamento, Energy Close-Up Engineering
esa.int

Oleg Mitvol, ex vice capo dell’autorità federale russa Rosprirodnadzor per il controllo ambientale, ha affermato che “non c’è mai stato un incidente di tale gravità nella zona artica”. Lo sversamento, infatti, dovrebbe aver contaminato un area pari a 350 km quadrati, viaggiando per 12 km trasportato dal fiume Ambarnaya che ha assunto una caratteristica colorazione rossastra.

Come si può intervenire?

La dichiarazione dello stato di emergenza prevede l’invio di forze aggiuntive per cercare di intervenire efficacemente sul problema.

Russia, diesel, disastro, ambiente, emergenza, contenimento, sversamento, Energy Close-Up Engineering
bbc.com

L’incidente ha suscitato forti avvertimenti da parte dei gruppi ambientalisti. La portata della fuoriuscita e la geografia del fiume renderanno molto difficile la bonifica. Greenpeace, inoltre, sembra aver paragonato l’accaduto al disastro Exxon Valdez del 1989 in Alaska.

Il costo di bonifica sembra stimato in 100 miliardi di rubli (1.5 miliardi di dollari). Le operazioni di bonifica potrebbero durare da 5 a 10 anni. La prima proposta avanzata consisteva nel provare a bruciare tutto quel combustibile. Questa proposta non ha trovato approvazione del Ministro delle risorse naturali Dmitry Kobylkin. Una seconda proposta è stata quella di provare a diluire il diesel riversato con una sostanza reagente.

Una cosa è stata subito chiara: non sarà possibile operare interventi di contenimento operando chiatte con bracci perché il fiume Ambarnaya è troppo poco profondo. Il terreno adiacente al fiume, già saturo di petrolio, ha impedito che il carburante venisse recuperato e pompato nella tundra circostante.

Noriisk Nickel e Russia fanno rima con disastro ambientale

Non è la prima volta che la Noriisk Nickel si trova in questa situazione di emergenza. La più grande società russa di estrazione e fusione di nickel e palladio, infatti, già nel 2016 aveva affrontato un’emergenza simile.

Il comitato investigativo russo (SK) ha avviato un procedimento penale per inquinamento e negligenza proprio a causa del ritardo di due giorni nelle comunicazioni. Ha inoltre preso in custodia il direttore dello stabilimento che, però, non ancora processato. Il presidente Putin ha espresso rabbia in merito all’accaduto poiché ne ha saputo soltanto grazie al clamore che l’evento ha generato sui social media e non dai diretti responsabili.

Vi lasciamo nel seguito tutte le immagini attualmente disponibili.

View this post on Instagram

🤯🤯🤯🥺🥺🥺😱😱😱#амбарка #чп #россия #Норильск #нефть #природа #краснодарскийкрай #новоросс #Новороссийск #nvrsk #река #москва #питер #nature #moscow #рыбалка #fishing #fish #спиннинг #sos #help #russia #всемвсем #внисание #черезвычайноеположение #краснодар#самара#владивосток#урал May 29 at the Nadezhdinsky plant owned by OAO GMK Norilsk Nickel, there was a spill diesel fuel in the soil and the water got more 21 thousand tons of oil products. This is the first accident such a large scale in the polar Arctic. In the country declared a state of emergency at the Federal level. The disaster in Norilsk showed irresponsible attitude of large companies to our nature, this will not continue it can! Environmental control should be enhanced, and the operation of facilities should take place under special control for warnings accidents, especially in the conditions of melting eternal permafrost due to global climate change. I however the opposite is happening now the situation in which Industrialists seek a moratorium on certain environmental restrictions requirements under the pretext of fighting economic crisis. We need to prevent the destruction of our nature and force the Russian Government to go on the way to support new green technologies and fight climate change and don't go along with it the "dirty" business. @greenpeaceru @greenpeace

A post shared by Илья (@ilya_torgonskyi) on

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rosario Tolomeohttps://energycue.it
Laureato in Ingegneria Chimica. Ingegnere di processo e consulente prima, PhD Student in Industrial Engineering su veicoli elettrici e batterie ora. Autore su #EnergyCuE da Maggio 2019. Appassionato di tecnologia, scienza, Giappone, energia e sostenibilità a tutto tondo.