La ScottishPower Generation, società acquisita dall’ Iberdrola Group, ha da poco annunciato che la Scozia è ormai pronta ad abbandonare la generazione di energia elettrica da gas e carbone. Questo risultato sarà reso possibile grazie ad una serie di investimenti che il gruppo sta operando da circa dieci anni. In seguito alla vendita dell’ultima centrale a gas gestita da ScottishPower, l’azienda è diventata il primo gruppo del Regno Unito a puntare tutto sull’energia eolica. E questo è solo l’ultimo dei traguardi ottenuti dagli UK nel settore eolico, dopo l’Hornsea Project Two e i record di produzione del 2018.

Nei prossimi anni, il gruppo arriverà a gestire quasi 3000 MW di potenza eolica, grazie agli impianti attualmente in costruzione e ai futuri progetti in cantiere. Con questi numeri, Keith Anderson, CEO di ScottishPower, punta ad alimentare 1,2 milioni di abitazioni in Scozia.

scozia, eolico, scottishpower, iberdrola group, offshore, onshore, rinnovabili, green energy, investimenti, carbone
scottishpower.com

Il piano di investimenti

Anderson spiega che:

In ogni giornata lavorativa investiamo 4 milioni di sterline per fornire energia più pulita e smart ai nostri clienti. Da oggi possiamo puntare esclusivamente sul rendere la produzione di energia meno costosa, tagliando rapidamente il consumo di carbone, costruendo smart grids e connettendo i nostri clienti ad un futuro rinnovabile sia per i trasporti sia per i sistemi di riscaldamento

 

Negli ultimi anni, ScottishPower ha chiuso i propri impianti a carbone e venduto le centrali a gas e idroelettriche per dedicarsi esclusivamente alla produzione da fonte eolica. Inoltre, l’azienda ha stanziato 5,2 miliardi di sterline in un piano quadriennale di investimenti per sostenere i nuovi progetti in ambito rinnovabile, nonché il potenziamento della rete elettrica e la diffusione di tecnologie smart lato consumatori. Gli obiettivi a livello globale del gruppo Iberdola sono ancora più avveniristici: rispetto ai livelli di emissioni inquinanti del 2007, il gruppo punta ad una riduzione del 30% entro il 2020, del 50% entro il 2030, fino a diventare carbon neutral nel 2050.

Per maggiori informazioni, cliccate qui.