giovedì, 13 Agosto, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Il particolato atmosferico veicola il Covid-19: il SIMA conferma

Il 24 Aprile, nel comunicato di Rainews, il SIMA ha reso noto che è stata confermata la presenza di RNA di Covid-19 nel particolato atmosferico. A un mese di distanza, quando il SIMA pubblicò un position paper circa la diffusione del virus per mezzo del particolato atmosferico. Le conferme arrivano da analisi eseguite su 34 campioni di PM10 in aria di siti industriali della provincia di Bergamo, raccolti con due diversi campionatori d’aria per un periodo continuativo di 3 settimane, dal 21 febbraio al 13 marzo.

L’Università di Trieste e l’azienda ospedaliera Giuliano Isontina hanno effettuato le analisi. Delle 22 giornate, 8 confermano la presenza. “I risultati positivi sono stati confermati su 12 diversi campioni per tutti e tre i marcatori molecolari, vale a dire il gene E, il gene N ed il gene RdRP, quest’ultimo altamente specifico per la presenza dell’Rna virale Sars-CoV-2″, afferma professor Leonardo Setti, coordinatore del gruppo di ricerca scientifica.

Una terza via di contagio del covid-19?

Il fatto che il particolato veicoli il covid-19, significa che è stata identificata un’ulteriore via di contagio?

“[…] non attesta ancora con certezza definitiva che vi sia una terza via di contagio. Tuttavia, occorre che si tenga conto nella cosiddetta fase 2 della necessita’ di mantenere basse le emissioni di particolato per non rischiare di favorire la potenziale diffusione del virus”

Prof. Gianluigi De Gennaro

Come afferma il Prof. De Gennaro, in condizioni di elevate concentrazioni di PM, le “micro-goccioline” contenenti il virus, creano delle strutture con il particolato dette cluster. Tali strutture persistono nell’ambiente per più tempo. La presenza del virus nel particolato può permettere di effettuare analisi all’interno degli ambienti indoor. Esso potrebbe essere un buon indicatore per verificare la diffusione in ambienti come ospedali, uffici, o attività aperte al pubblico. L’analisi può certamente delineare condizioni di recidiva, di ritorno del covid-19. Soprattutto con l’inizio della Fase 2.

L’importanza della riduzione dei livelli di inquinamento

Lo studio conferma esplicitamente l’influenza dell’inquinamento sulla diffusione del virus. E spiega la larga diffusione di esso nella zona della Pianura Padana, messa in ginocchio dall’emergenza. Se l’inquinamento comporta costi e perdite economiche, e comporta danni alla salute umana, la sua azione diventa estremamente dannosa in vista di fenomeni pandemici.

Come sottolineano i ricercatori, è importante attuare misure che limitino nel futuro le concentrazioni di particolato atmosferico. Le prossime indagini riguarderanno la valutazione del grado di virulenza del covid-19 quando veicolato dal particolato.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

1 COMMENTO

  1. Ahimè il teorema è erroneo. L’inquinamento causa una Malattie dell’Epitelio Respirtaorio e da qui tramite la cascata CoX 1 e Cox 2 una patologia di ipercoagulazione intravascolare. E’ dalla malattia epiteliale prima e endoteliale dopo che si genera la penetrazione del Virus mediante il sistema ACE2. E’ argomento complesso da lasciare ai Fisiopatologi Respiratori. Nessun trasporto meccanico, solo alterazioni croniche dell’epitelio respiratorio. L a teoria meccanicistica non trova riscontro nella Fisiopatologia Respiratoria.Legga i due Volumi Salute e Ambiente, diritti feriti e target Polmone! entrambi editi da Società Editrice Universo, Roma, 2020

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Francesca Marasciuolohttp://energy.closeupengineering.it
Laureata magistrale in Ingegneria Elettrica al Politecnico di Bari. Mi occupo di Smart Grid, e di come si possano coniugare fonti rinnovabili, mobilità elettrica e sistema elettrico. Autrice di #EnergyCuE da Luglio 2017. Sempre curiosa di nuove soluzioni tecnologiche per la produzione sostenibile di energia elettrica, mai stanca di imparare!