Home » ACEA Pinerolese, polo ecologico innovativo per la gestione dei rifiuti

ACEA Pinerolese, polo ecologico innovativo per la gestione dei rifiuti

Categorie Rinnovabili

Articolo a cura di Luigi SAMBUCETI

Il polo ecologico ACEA Pinerolese (nato nel 2004) è un esempio innovativo di impianto di gestione dei rifiuti, costituito da più impianti interconnessi tra di loro:

  • trattamento rifiuti, dove avviene il compostaggio e la digestione anaerobica,
  • impianto fotovoltaico, con lo scopo di soddisfare il fabbisogno energetico del processo chimico su detto,
  • impianto di depurazione delle acque.

ACEA Pinerolese: compost e biogas ricavato dalla spazzatura

I rifiuti organici derivati dalla raccolta differenziale (quindi dalla spazzatura delle case, dei ristoranti, dei bar, ecc) ammontano a 60.000 tonnellate l’anno e costituiscono il materiale di ingresso. Sono scaricati in un’unica grossa vasca detta fossa e inviati all’aprisacchi, una macchina che lacera i sacchetti della spazzatura. Da qui in poi i rifiuti sono vagliati più volte per separare plastica e inerti dai residui biodegradabili e tramite grosse calamite sono estratti scarti metallici. Infine sono miscelati con acqua proveniente dall’impianto di depurazione.

L’obiettivo di questo pre-trattamento è ottenere una miscela biodegradabile da inviare ai digestori. In questi digestori, il cui interno è isolato dall’ambiente esterno e mantenuto a 55 °C, si svolge una fermentazione naturale in assenza di ossigeno. Per due settimane, dei batteri termofili si nutrono della sostanza organica così da produrre una miscela di CO2, acqua e metano, meglio nota come biogas. Questo processo costituisce la digestione anaerobica.

acea pinerolese, pinerolo, biogas, digestione anaerobica, biocombustibili, Italia, Piemonte, energia, biomassa, rifiuti, energy close-up engineering
ambiente.aceapinerolese.it

Biogas come fonte rinnovabile

Il biogas ha una concentrazione di metano attorno al 60%, che sarà portata fino al 90% dopo aver estratto acqua e CO2. A seguito di questo trattamento, si sfrutta questo combustibile per produrre energia elettrica e termica.

L’energia elettrica nel complesso di ACEA Pinerolese si ottiene da tre motori da 3 MWe complessivi alimentati dal biogas. In questo modo si alimentano gli edifici del polo, mentre il surplus è immesso nella rete elettrica nazionale. Allo stesso tempo l’energia termica di scarto alimenta una rete di teleriscaldamento. La quantità di biogas prodotto in un anno supera i 10 milioni di Nm3, per un totale di 17 GWh all’anno di energia elettrica e quasi 19 GWh di energia termica.

L’altro prodotto della digestione è il digestato: fango digerito dai batteri che è disidratato e inviato all’impianto di compostaggio. Qui è disposto in cumuli all’interno di un padiglione chiuso dove è insufflata aria dal pavimento per 28 giorni. Successivamente sono spostati in un deposito aperto dove maturano per altri due mesi. Il risultato è un compost ottimo per la fertilizzazione di campi, noto come Florawiva.

ACEA Pinerolose mira nel prossimo futuro allo sviluppo di nuove tecnologie e pertanto investe costantemente nella ricerca.

Un commento su “ACEA Pinerolese, polo ecologico innovativo per la gestione dei rifiuti”

Lascia un commento