Quando siamo sotto la doccia e sentiamo che l’acqua sta diventando troppo calda abbiamo una sola possibilità: aumentare il flusso di acqua fredda, diminuendo, quindi, il flusso di acqua calda.

valvole termostatiche, valvole, decreto, obbligo, condominio, riscaldamento, termosifone, riscaldamento centralizzato, ambiente, energia, calore, gas naturale, Energy Close-up Engineering
I Simpson – YouTube

La domanda, allora, viene spontanea. Ma perché, se fa caldo nella doccia diminuiamo il flusso di acqua calda, mentre, se fa caldo in casa, non diminuiamo la portata di acqua calda che passa nei radiatori o termosifoni?

Se abbiamo un riscaldamento autonomo, allora si può variare la temperatura di acqua calda che passa nei termosifoni tramite una regolazione della caldaia. Se, invece, si vive in un condominio con riscaldamento centralizzato, allora ci possono essere problemi. Ci saranno sicuramente alcuni di voi che avranno sentito la necessità di aprire le finestre in pieno gennaio perché dentro faceva troppo caldo. Spreco, inutile spreco.

Oltre il danno, la beffa. Nonostante non ci sia alcun comfort ambientale (troppo caldo), ci ritroviamo anche a pagare la stessa bolletta della cara nonna Annina al piano inferiore che sente continuamente e persistentemente freddo, obbligando addirittura un intero condominio ad alzare la temperatura dei termosifoni “perché la mattina fa troppo freddo”. Maledetta, Cara nonna Annina.

La soluzione al problema è semplice: valvole termostatiche. Nient’altro che regolatori di portata di acqua calda che passa nei nostri termosifoni (vedi foto). Meno acqua calda passa attraverso l’apparecchio, più si abbasserà la temperatura dei termosifoni, e quindi dell’ambiente. Solitamente sono regolabili tra 0 (spenti) e 5 (massima portata, come i vecchi radiatori). Indicativamente i vari livelli corrispondono a temperature ambientali diverse: livello 1 – circa 10 °C, livello 2 – circa 15 °C, livello 3 – circa 20 °C, livello 4 – circa 25 °C.

Le valvole termostatiche sono obbligatorie da circa un anno per legge (D.Lgs 102/2014 e D.Lgs. Correttivo 141/2016); in particolare sono obbligatorie per condomini il cui riscaldamento ambientale è centralizzato (tramite grande caldaia, cogenerazione, teleriscaldamento…).

valvole termostatiche, valvole, decreto, obbligo, condominio, riscaldamento, termosifone, riscaldamento centralizzato, ambiente, energia, calore, gas naturale, Energy Close-up Engineering
ilbagno.net

Sono innumerevoli le aziende e i professionisti che offrono l’installazione, oltre che la fornitura stessa, delle valvole termostatiche. Ma ci sono anche siti internet / App che, a prezzo più contenuto, offrono lo stesso servizio. Tra questi, installare le valvole termostatiche con Yougenio è uno di quelli più veloci e immediati.

In definitiva installare le valvole termostatiche conviene a tutti, motivo per cui sono un obbligo. Esse:

  1. permettono di contabilizzare il calore dei vari, singoli appartamenti riscaldati da un unico generatore. L’apparecchietto posto sul corpo del termosifone (vedi foto), infatti, è un contacalorie, e permette di misurare il calore emanato dal radiatore. Più è bassa la temperatura di quest’ultimo, “meno calore” verrà misurato, meno verrà pagato in bolletta. La cara nonna Annina, finalmente, potrà avere i suoi 28 °C in casa senza, però, obbligare anche me.
  2. permettono di gestire il comfort ambientale. Non solo possiamo decidere a che livello impostare la portata di acqua calda passante attraverso i corpi scaldanti; ma, se impostiamo un livello, allora, raggiunta la temperatura nella stanza coincidente con il livello stesso, il termosifone si spegnerà in automatico, permettendo un ulteriore risparmio. Non so se è capitato anche a voi, ad esempio, che pur impostando un livello 3, è possibile che il termosifone rimanga freddo. Questo è dovuto agli apporti di calore gratuiti nella stanza (troppe persone, sole…) che alzano la temperatura ambientale, facendo quindi spegnere il (o i) termosifone (i).