lunedì, 10 Agosto, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Solar Glasses – Occhiali da Sole e non Solo…

Produrre energia utilizzando gli occhiali da sole? Si può fare.

A confermarlo è stato l’Istituto di Tecnologia di Karlsruhe KIT, in Germania, pubblicando sulla rivista Energy Technology uno studio riguardo lo sviluppo di nuove lenti da sole, capaci di sfruttare l’energia solare per la produzione di energia elettrica.

Gli occhiali da sole in questione, chiamati Solar Glasses, utilizzano celle solari organiche (di cui abbiamo già parlato su Close-up Engineering QUI), che sono flessibili, trasparenti, leggere e possono essere fabbricate in forme e colori a scelta, a differenza di quelle al silicio. Nel lavoro di ricerca presentato nella rivista, i ricercatori hanno effettuato prove su occhiali da sole con celle solari colorate semitrasparenti applicate sulle lenti, che alimentano un microprocessore e due display.

Occhiali da sole, solar glasses, innovazione, tecnologia, energia solare, celle solari, celle organiche fotovoltaiche, potenza elettrica, illuminazione, studio, energia smart, pannelli solari, energia rinnovabile, Close-up Engineering
onlinelibrary.wiley.com

Abbiamo portato l’energia solare dove altre tecnologie hanno fallito”, afferma il Dr. Alexander Colsmann, a capo del Gruppo di Organic Photovoltaics al Light Technology Institute (LTI) del KIT. I Solar Glasses “smart” oggetto di studio degli scienziati e del suo team di ricerca, si auto-alimentano per misurare e mostrare l’intensità dell’illuminazione solare e la temperatura dell’ambiente. Le celle solari a forma di lente, perfettamente montati su una generica montatura, sono spesse circa. 1.6 millimetri e pesano circa 6 grammi, proprio come le lenti dei tradizionali occhiali da sole. Il microprocessore e i due display sono integrati nella montatura, in corrispondenza delle tempie. Essi mostrano grafici a barre dell’intensità luminosa e della temperature ambiente. I Solar Glasses funzionano anche in ambienti chiusi con illuminazione al di sotto di 500 Lux, come ad esempio in un ufficio o in un salotto. In queste condizioni, ciascuna delle lenti “smart” genera circa 200 microwatt di potenza, abbastanza da poter alimentare dispositivi quali apparecchi acustici o pedometri.

Per leggere l’articolo pubblicato sulla rivista Energy Technology clicca QUI.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Francesca Marasciuolohttp://energy.closeupengineering.it
Laureata magistrale in Ingegneria Elettrica al Politecnico di Bari. Mi occupo di Smart Grid, e di come si possano coniugare fonti rinnovabili, mobilità elettrica e sistema elettrico. Autrice di #EnergyCuE da Luglio 2017. Sempre curiosa di nuove soluzioni tecnologiche per la produzione sostenibile di energia elettrica, mai stanca di imparare!