sabato, 30 Maggio, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Il primo treno fotovoltaico è australiano!

Ha iniziato a muoversi sui binari da poche settimane su di una linea dismessa nel Byron Bay, nel South Wales australiano il primo treno fotovoltaico nella storia.

La Byron Bay Train ha recuperato un vecchio treno del 1949 e ha restaurato i binari che  collegano la stazione di North Beach al vicino al resort Elements di proprietà di Flannery (ex barone del carbone, ora a capo della compagnia) e sua moglie Peggy. Un progetto, che si prefigge come obiettivo il recupero.

Fotovoltaico e batterie alla base

Le batterie a carica solare sono state progettate per poter alimentare tutti i sistemi, inclusi alimentazione per la trazione, illuminazione, circuiti di controllo e compressori d’aria.

I pannelli solari curvi progettati su misura sul tetto del treno, insieme al pannello solare sul tetto del deposito, generano energia sufficiente per alimentare il treno. Il sistema di frenata rigenerativa (“regen“) recupera circa il 25% dell’energia spesa ogni volta che vengono applicati i freni.

In figura è riportato lo schema di funzionamento del sistema.

treno-fotovoltaico-australia-energia-rinnovabile-batterie-sostenibilità-recupero-Close-up Engineering
Schema dei componenti
byronbaytrain.com.au

In caso di prolungata assenza di luce solare, le batterie di bordo possono essere caricate dalla rete elettrica utilizzando energia verde al 100% da Enova Energy, rivenditore locale di energia. Come una banca, gli array di pannelli solari di BBRC accumulano energia mentre si scaricano quando necessario. Inoltre possono anche scambiare energia con la rete elettrica: immettere energia in rete quando la potenza generata è eccessiva, oppure acquistarla quando la potenza richiesta è maggiore di quella prodotta.

Back-up di emergenza

Il treno è stato modificato per avere un unico motore diesel Cummins da 14 litri NT855 , che è rinomato nel settore per essere un motore a combustione pulita.

Uno dei due motori diesel è stato rimosso; l’altro è stato lasciato a bordo per il peso e l’equilibrio e anche per fornire un backup di emergenza in caso di guasto al sistema elettrico.

Tutti i motori Cummins sono dotati di un limitatore di pressione del carburante, del collettore turbo che limita la quantità di carburante immessa nel motore durante l’accelerazione fino a quando la pressione del turbo aumenta. Più ossigeno del carburante viene immesso nel motore che assicura la combustione completa,minore è il combustibile incombusto emesso come fumo nero.

Il motore è molto più economico e delicato per l’ambiente rispetto a quando fu costruito 40 anni fa. È stato dotato di controlli delle emissioni di scarico che sono stati progressivamente aggiornati nel corso degli anni.

treno-fotovoltaico-australia-batteria-pannelli-pv-combustibile-energy-renewable-Close-up Engineering
Consumo di combustibile per passeggeri in un viaggio.
byronbaytrain.com.au

Il primo treno fotovoltaico nella storia

Anche in India nel Giugno 2017 è stato avviato un progetto che coinvolgeva 250 treni solari per il trasporto locale. Ma allora cosa rende il treno australiano il primo a livello internazionale?

La novità consiste nel fatto che è il primo convoglio ad “uscire” dalle sperimentazioni; inoltre l’alimentazione è stata progettata per soddisfare tutti i servizi, dall’avviamento all’illuminazione, a differenza delle altre sperimentazioni.

Certo, le dimensioni del progetto sono ridotte: si sta parlando di una tratta lunga 3 km, e di un convoglio che può ospitare un massimo di 100 persone (bagagli inclusi!); però la strada è quella giusta!

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Francesca Marasciuolohttp://energy.closeupengineering.it
Laureata magistrale in Ingegneria Elettrica al Politecnico di Bari. Mi occupo di Smart Grid, e di come si possano coniugare fonti rinnovabili, mobilità elettrica e sistema elettrico. Autrice di #EnergyCuE da Luglio 2017. Sempre curiosa di nuove soluzioni tecnologiche per la produzione sostenibile di energia elettrica, mai stanca di imparare!