Home » Mauritius, disastro ambientale e marea nera sulla barriera corallina

Mauritius, disastro ambientale e marea nera sulla barriera corallina

Categorie Ambiente

Mauritius. 25 luglio 2020. La petroliera giapponese MV Wakashio si è incagliata tra la barriera corallina incontaminata del paradiso nell’Oceano Indiano. Una marea nera è fuoriuscita dalla nave riversando tonnellate di petrolio nei mari cristallini. Difficile quantificare i danni al momento.

Cosa è successo alle Mauritius

La petroliera della compagnia di trasporti giapponese Mitsui Osk Lines era partita intorno alla metà di luglio dalla Cina per trasportare circa 4 mila tonnellate di carburante in Brasile. In data 25 luglio, a pochi chilometri a sud est dell’isola di Mauritius la petroliera si è incagliata nella barriera corallina causa del maltempo. Tuttavia, solo qualche giorno dopo, il 6 agosto, la petroliera ha iniziato a perdere carburante.

Mauritius, petroliera, petrolio, marea nera, Giappone, Ambiente, disastro ambientale, Oceano Indiano, Brasile, Cina, Francia, Energy CuE
m.wsj.net

Al momento, circa 500 tonnellate di carburante hanno raggiunto le coste. Ma preoccupano di più le altre mille tonnellate di petrolio che sono ancora in mare. L’arenamento è avvenuto esattamente presso Pointe d’Esny. Zona inserita fra le zone umide di importanza internazionale tutelate dalla Convenzione di Ramsar, e nei pressi del parco marino di Blue Bay.

Purtroppo, il mare agitato ha vanificato gli sforzi per fermare la perdita all’inizio. Inoltre, i moti ondosi delle ultime ore stanno incrementando la fuoriuscita di carburante. E come se non bastasse, le fenditure già aperte della petroliera diventano più grandi, e la nave rischia anche di spezzarsi in due.

Mauritius: dichiarato lo stato di emergenza

Il primo ministro delle isole Mauritius, Pravind Jugnauth, ha dichiarato lo stato di emergenza ambientale immediatamente. A far eco al capo del governo, il ministro della Pesca dell’arcipelago, Sudheer Maudhoo, ha affermato che “non ci sono i mezzi sufficienti per gestire e arginare una situazione di questo tipo“. Il governo ha lanciato un appello alla Francia per assistenza urgente. E Macron ha inviato squadre e materiale da Reunion, isola vicina, in risposta al disastro ambientale.

Mauritius, petroliera, petrolio, marea nera, Giappone, Ambiente, disastro ambientale, Oceano Indiano, Brasile, Cina, Francia, Energy CuE
e3.365dm.com

Gruppi di volontari locali, pescatori e gente del posto si sono messi a lavoro immediatamente per ripulire i 20 chilometri di costa interessanti. Tuttavia hanno a disposizione mezzi rudimentali. Tra gli altri: vecchi secchi per ripulire le acque e sacchi di stoffa pieni di paglia per cercare di contenere la fuoriuscita di carburante.

Conseguenza ambientali

Secondo gli esperti e gli ambientalisti del luogo: “è una delle crisi peggiori della storia del paese africano“. La marea nera, infatti, muterà in maniera irreversibile l’ecosistema dell’isola e del mare circostante. Sunil Dowarkasing, ex capo strategie di Greenpeace Africa, ha spiegato che “ci vorranno almeno cento anni per riportarla a ciò che era”.

Il Giappone ha sottoscritto che invierà degli esperti per coordinare e gestire tutte le operazioni. Il vicepresidente di Mitsui Osk Lines si è scusato pubblicamente per i danni arrecati. Inoltre ha annunciato che insieme alla Nagashiki Shipping Co., azienda nipponica proprietaria della nave, farà di tutto per risolvere il problema il prima possibile.

Lascia un commento