Ogni tanto, senza preavviso, arrivano notizie che ci cambiano la giornata. Quando ho appreso quanto segue, ho capito che l’Italia non è poi così ferma, immobile come la immaginavo.

E PUR SI MOVE !

 

Diceva tanti, tantissimi anni fa un certo Galileo Galilei riferendosi, però, a tutt’altro.

La notizia straordinaria è che l’Italia (a pari merito con la Germania) ha totalizzato ben 75,5 punti su 100 ed è salita in vetta alla classifica delle nazioni più energeticamente efficienti. O meglio, l’Italia è risultata al primo posto per politiche ed azioni di efficienza energetica.

Non male; anzi, benissimo!

efficienza energetica, energia, ACEEE, energy efficiency, energia smart, smart city, residenziale, trasporti, e-mobility, industria, casa, energy close-up engineering
aceee.org

Il report biennale è frutto del lavoro di ACEEE o American Council for an Energy Efficient Economy che ha pubblicato nel 2018, nel 2016, e nel 2014. Negli ultimi due casi l’Italia è sempre stata seconda. Nel 2014 alle spalle della sola Germania. Nel 2016, insieme al Giappone, alle spalle della (solita, perfetta) Germania. Ma quest’anno la perfezione (o quasi) l’abbiamo raggiunta anche noi.

Quattro gli ambiti studiati dall’organizzazione americana: impegno nazionale, edifici, industria, e trasporti. Tutti e quattro gli ambiti studiati si suddividono in diversi voti dati da sotto-fattori, alcuni dei quali listati di seguito:

  • Per l’impegno nazionale sono stati presi in considerazione gli obiettivi nazionali come (anche) descritto nella SEN 2017, oltre che spese media dell’energia, efficienza globale degli impianti di produzione, mercato ESCo, disponibilità dati, variazione dell’intensità energetica.
  • Per quanto riguarda il tema edifici si sono studiate le politiche di ristrutturazione ed incentivi, standard impiantistica, intensità energetica delle diverse tipologie di edificio.
  • Si sono presi in considerazione le diagnosi energetiche e le politiche di incentivazione di sistemi cogenerativi o trigenerativi, oltre che investimenti in ricerca e sviluppo e nuove tecnologie efficienti nel mondo dell’industria.
  • I trasporti invece hanno come fattori strategici gli investimenti in e-mobility, infrastruttura su rotaia, combustibili e prezzi degli stessi.
efficienza energetica, energia, ACEEE, energy efficiency, energia smart, smart city, residenziale, trasporti, e-mobility, industria, casa, energy close-up engineering
aceee.org

Il punteggio più alto italiano riguarda proprio l’industria con 20,5 su 25, seguita dal mondo degli edifici commerciali e residenziali (20 su 25), e – in coda – impegno nazionale (18 su 25) e trasporti (17 su 25).

I primati nelle diverse categorie spettano, invece, a Germania per quanto gli sforzi nazionali verso politiche ed azioni di efficienza energetica (22 su 25); alla Spagna per gli edifici (22 su 25); al Giappone per l’industria (21,5 su 25) e, infine, alla Francia per i trasporti (17,5 su 25).

efficienza energetica, energia, ACEEE, energy efficiency, energia smart, smart city, residenziale, trasporti, e-mobility, industria, casa, energy close-up engineering
aceee.org

Bravi tutti, ma adesso abbiamo una grande responsabilità. Dobbiamo portare alte le conoscenze in campo tecnologico, di governance e professionali che abbiamo fatto crescere in questi anni.

Può diventare una magnifica opportunità; c’è ancora da lavorare.