giovedì, 9 Luglio, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Arricchimento uranio: l’Iran può produrre un’arma nucleare

Un paio di mesi fa vi avevamo parlato della minaccia dell’Iran agli USA. Un recente report dell’IAEA mostra come la minaccia sia diventata realtà. L’Iran adesso dispone della quantità di esafluoruro di uranio necessaria alla produzione di un’arma nucleare.

Accordo JCPOA

Dopo l’accordo JCPOA del 2015, l’Iran si era impegnato a spedire all’estero la maggior parte dell’uranio arricchito, prodotto negli anni precedenti. La quantità posseduta fino a quel momento gli avrebbe permesso di costruire 14 ordigni nucleari. Nel 2016 l’Iran aveva mantenuto il 3% della propria riserva di esafluoruro di uranio pari a 300 chili.

IAEA, uranio, iran, jcpoa, energia, nucleare, bomba, atomica, ordigno, Energy Close-up Engineering
nytimes.com

Fino al 2019 l’Iran si è mantenuto ben al di sotto del valore limite ritenuto necessario per produrre una sola bomba.

Report IAEA

L’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, l’organizzazione dell’ONU incaricata al controllo del settore dell’energia nucleare, afferma che l’Iran ha negato l’accesso agli ispettori incaricati di controllare tre cruciali località di stoccaggio.

[bquote by=”Rafael Mariano Grossi” other=”Direttore Generale IAEA”]L’Iran deve collaborare con l’agenzia e rispondere alle domande legate a possibili materiali nucleari non dichiarati e attività connesse al nucleare non dichiarate[/bquote]

Gli ultimi rapporti dell’IAEA ci dicono che le riserve dell’Iran si attestano intorno a 1000 chili di materiale arricchito al 4,5%. Questo va ben oltre il limite del 3,67% stabilito nell’accordo del 2015.

IAEA, uranio, iran, jcpoa, energia, nucleare, bomba, atomica, ordigno, Energy Close-up Engineering
nytimes.com

Gli osservatori dell’IAEA affermano che l’Iran, nonostante il divieto di ingresso agli ispettori, ha “fornito” i dati sull’aumento delle riserve di uranio. Questo, probabilmente, per mettere pressione sull’Europa e sugli Stati Uniti.

Arricchimento dell’uranio: per l’Iran è solo questione di tempo

David Albright, presidente dell’Institute for Science and International Security, spiega come la quantità scoperta sia preoccupante ma che serviranno almeno tre o quattro mesi per trasformarla in materiale ad alto arricchimento utilizzabile per un ordigno nucleare. Questo stando all’attuale disponibilità impiantistica dell’Iran.

L’Iran ha attualmente, infatti, 5060 centrifughe a gas attive nell’impianto sotterraneo di Natanz. Inoltre 1044 delle 1057 centrifughe a gas dell’impianto di Fordow sono attualmente operative ed impiegate per l’arricchimento dell’uranio.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rosario Tolomeohttps://energycue.it
Laureato in Ingegneria Chimica. Ingegnere di processo e consulente prima, PhD Student in Industrial Engineering su veicoli elettrici e batterie ora. Autore su #EnergyCuE da Maggio 2019. Appassionato di tecnologia, scienza, Giappone, energia e sostenibilità a tutto tondo.