Home » Il dibattito sui depositi di 14,8 milioni di tonnellate di litio in Thailandia

Il dibattito sui depositi di 14,8 milioni di tonnellate di litio in Thailandia

Il governo thailandese sostiene che il paese possiede grandi depositi di litio, posizionandolo come una potenziale potenza globale nel settore, ma un accademico dell'Università di Chulalongkorn contesta, affermando che la quantità reale di litio estratto sarebbe molto inferiore.

Categorie Ambiente
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Il recente annuncio di un portavoce del governo thailandese ha scatenato un acceso dibattito sull’entità dei depositi di litio nel paese, sollevando questioni sulla sua potenziale posizione come potenza globale nella produzione di litio. Secondo il Dipartimento delle Industrie Primarie e delle Miniere, la Thailandia ospita depositi contenenti oltre 14,8 milioni di tonnellate di litio, principalmente nella provincia meridionale di Phangnga. Questa scoperta posizionerebbe il paese come la terza più grande riserva di questo minerale al mondo, dopo Bolivia e Argentina.

Litio in Thailandia: due perspettive, una realtà incerta

Tuttavia, secondo il Bangkok Post, il dibattito si intensifica quando consideriamo le osservazioni di Jessada Denduangboripant, un docente della Facoltà di Scienze dell’Università di Chulalongkorn. Utilizzando la sua pagina Facebook per fornire un “reality check”, Jessada nota che il 14,8 milioni di tonnellate rappresenta le rocce pegmatitiche che contengono circa lo 0,45% di litio. Di conseguenza, la quantità effettiva di litio estratto dalle rocce sarebbe molto meno impressionante, stimata solo tra 60.000 e 70.000 tonnellate.

La corsa globale al litio

Litio in Thailandia

Queste cifre emergono in un momento in cui la corsa globale al litio, un componente chiave nelle batterie dei veicoli elettrici (EV), sta raggiungendo il suo apice. Con l’aumento della domanda di EV e la conseguente necessità di batterie affidabili, la scoperta e l’uso efficiente di risorse di litio diventano cruciali. La Thailandia, che sta rapidamente diventando una base di produzione per i veicoli elettrici, potrebbe trarre enormi benefici da depositi di litio economicamente sfruttabili.

Litio in Thailandia: implicazioni economiche e ambientali

Avere depositi di litio potrebbe non solo rafforzare l’attrattiva della Thailandia per gli investitori automobilistici, ma anche catalizzare lo sviluppo di una catena di approvvigionamento completa per i veicoli elettrici nel paese. Tuttavia, è essenziale bilanciare l’ottimismo con una valutazione realistica delle risorse disponibili. Le implicazioni ambientali e le sfide tecniche associate all’estrazione e alla lavorazione del litio richiedono una considerazione attenta.

Verso un futuro sostenibile

Il dibattito sui depositi di litio in Thailandia sottolinea l’importanza di valutazioni accurate e trasparenti delle risorse naturali. Mentre il paese esplora il suo potenziale ruolo nell’economia globale del litio, è fondamentale affrontare le sfide con un approccio equilibrato, tenendo conto sia delle opportunità economiche che delle responsabilità ambientali. Questo dibattito non è solo una questione di cifre, ma una questione che tocca il cuore stesso del futuro sostenibile dei trasporti e dell’energia.

FONTI VERIFICATE

Lascia un commento