Home » Crisi Libano: perché le centrali sono a secco di combustibili

Crisi Libano: perché le centrali sono a secco di combustibili

La crisi del Libano mette in ginocchio le centrali di produzione energetica, lasciando le città al buio e interrompendo i servizi primari.

Categorie Energy mix

Spesso parlando di energia si tende a trascurare un elemento fondamentale: la politica. Il settore energetico, che trascina la produttività di ogni Paese, è intimamente politicizzato. Sarebbe irragionevole pensare che crisi politiche, più o meno gravi, non abbiano ripercussioni, più o meno importanti, sull’economia e dunque sulla storia evolutiva di un Paese e dei Paesi politicamente ad esso connessi.

Per capire come il Libano sia finito all’ombra del cedro, è importante dare qualche dato sulla crisi economica e finanziaria in cui è invischiato da tempo, con il fattore pandemia ad aggravare una situazione già complessa.

La crisi in Libano

Quello che sta accadendo in Libano, riporta la World Bank, è una delle crisi economiche e finanziarie più importanti mai registrate. Secondo gli autorevoli economisti Carmen Reinhart e Kenneth Rogoff, il Lebanon Economic Monitor mostra come, alla primavera del 2021, l’attuale crisi libanese vada a confrontarsi con le peggiori crisi globali verificatesi tra il 1857 e il 2013. L’indicatore GDP – gross domestic production, o prodotto interno lordo PIL – è crollato dai 55 miliardi di dollari nel 2018 ad appena 33 miliardi nel 2020, con una riduzione del 40% del GDP pro capite. La World Bank, dunque, conclude che quella del libano è tra le 10, o addirittura tra le prime 3, peggiori crisi economiche finanziarie verificatesi dalla metà del diciannovesimo secolo.

Libano, crisi, blackout, politica, economia, energia, Beirut, Tripoli, centrali, combustibili, The World Bank, PIL, inflazione, beni e servizi, ospedali, povertà, elettricità, Close-up Engineering.
fonte: unsplash.com

Le stime non sono ottimiste e prevedono altre contrazioni del PIL nei mesi a venire. L’inflazione tocca beni di prima necessità, costringendo le famiglie a spendere tutto il loro salario per non morire di fame. Il giornalista Ahmed Kasis da una quantificazione chiara: il costo di un litro di latte è passato da 3 mila lire libanesi, nel precrisi, a 24 mila lire attuali. L’osservatorio dell’Università Americana di Beirut afferma che il costo di un paniere alimentare è aumentato, nel giro di un mese, di oltre il 50%. A questo punto le famiglie libanesi non riescono a far fronte a un’impennata simile dei prezzi per i beni di prima necessità. La tensione nel Paese si amplifica, lasciando intravedere scenari di una nuova guerra civile libanese.

Centrali a secco di combustibili

La crisi economica e finanziaria non risparmia certo il settore energetico. Di fatto la situazione è talmente grave e precaria che perfino le centrali più importanti del Libano sono rimaste a secco di materie prime. Daeir Ammar e Zahrani funzionano a singhiozzo e al minimo della loro potenza di generazione, non venendo sufficientemente rifornite. Qui ci riallacciamo alla politicizzazione del settore energetico. Sono in piedi difficili trattative con gli Stati del Medio Oriente e gli Stati Uniti per l’approvvigionamento di combustibili. La rotta con Damasco, e l’Iran più in generale, è la più battuta, nonostante le tensioni politiche tra Stati Uniti e Iran. Tuttavia l’afflusso di combustibili sembra insufficiente per ripristinare una generazione di potenza a pieno regime.

Libano, crisi, blackout, politica, economia, energia, Beirut, Tripoli, centrali, combustibili, The World Bank, PIL, inflazione, beni e servizi, ospedali, povertà, elettricità, Close-up Engineering.
fonte: unsplash.com

La scarsità di energia nel Paese rende difficile garantire i servizi essenziali, mettendo a rischio la sopravvivenza degli ospedalizzati. Città tra le più grandi del Libano come Beirut, Tripoli e Sidone sono finite in completo blackout per diverse ore. Più della metà della popolazione vive sotto la soglia di povertà, cosicché inflazione e interruzione elettrica impediscono la corretta conservazione di medicinali e alimenti. Negli ospedali vengono rimandati anche gli interventi essenziali e si registrano casi di avvelenamento alimentare. Pochi riescono a permettersi una continuità elettrica pagando generatori privati.

Lascia un commento