Articolo a cura di Rosario TOLOMEO

Le emissioni di CO2 e gas serra, di origine antropica, sono le principali cause del cambiamento climatico cui assistiamo quotidianamente. La riduzione di queste emissioni, fino al raggiungimento degli obiettivi di zero emissioni entro il 2050, passa per un processo su cui si pone sempre maggior attenzione: CSS (Carbon capture and storage – cattura e stoccaggio dell’anidride carbonica).

Processi e tecnologie CSS sono in grado di catturare fino al 90% della CO2 prodotta dall’utilizzo di combustibili fossili in processi industriali e di generazione dell’energia elettrica, prevenendone l’immissione in atmosfera.

Linee generali sul Carbon Capture

Un processo di CSS si divide in tre fasi: la prima fase è quella di cattura in cui la CO2 è catturata post-combustione (assorbita in un solvente chimico dedicato e successivamente separata), pre-combustione (il combustibile viene gassificato a idrogeno e CO2 che viene separata) oppure tramite oxy-fuel combustion (il processo prevede l’utilizzo di ossigeno puro in camera di combustione). La seconda fase è quella di trasporto: in questa fase, la CO2 liquida è trasportata con vettori tradizionali. L’ultima fase è quella di stoccaggio: le sedi di stoccaggio sono generalmente delle formazioni geologiche porose, situate ad alcuni chilometri sotto la superficie terrestre, in cui la CO2, a causa delle temperature e pressioni, si trova nel suo stato supercritico.

CO2, sistemi, cattura, stoccaggio, capture, storage, antropica, cambiamento, clima, industria, combustione, geologia, impatti, riduzione, Energy Close-up Engineering
ccsassociation.org

Principali problemi

Il processo può presentare due problemi principali: in primis, come è facile intuire, in caso di eventi geologici imprevisti si può verificare un massiccio rilascio in atmosfera di CO2; in secondo luogo, a causa del mezzo poroso in cui sono iniettate e del gradiente di concentrazione che si genera, è facile si verifichi un lento e incontrollabile processo di rilascio continuo nel tempo.

A che punto siamo?

Sebbene la tecnologia sia “ready to use”, attualmente, sono soltanto cinque gli impianti, nel mondo, che utilizzano processi di CSS su scala commerciale.  

CO2, sistemi, cattura, stoccaggio, capture, storage, antropica, cambiamento, clima, industria, combustione, geologia, impatti, riduzione, Energy Close-up Engineering
boell.de

Le previsioni ci dicono come, entro il 2050, a causa dell’aumento della popolazione mondiale, la produzione di chemicals debba quintuplicare. Di conseguenza, possiamo aspettarci, un quintuplicare delle emissioni ad essa legate. Processi e tecnologie come quelli di CSS possono aiutare a ridurne gli impatti.