auto, car sharing, elettricità, colonnine, Tesla, Bluetorino, Torino, auto elettrica, energia, ambiente, close-up engineering
bluetorino.eu

La sharing economy è una realtà. Gli alberghi del mondo sono in crisi perché devono affrontare la concorrenza del colosso Airbnb, nato poco tempo fa, ma, dati alla mano, più fruttuoso e più funzionale delle più grandi e ricche catene alberghiere. I taxi del mondo sono in crisi perché devono affrontare la concorrenza spietata di Uber (anche se in Italia l’idea e il progetto hanno avuto molti problemi).

I trasporti cittadini, negli ultimi anni, stanno (anch’essi) affrontando una rivoluzione di cui non tutti se ne rendono conto. I trasporti pubblici sono, ancora oggi, fondamentali. Tuttavia, progetti come Enjoy di ENI o Car2Go, stanno spopolando in città come Milano, Torino, Roma, Firenze, Catania e in moltissime città di tutto il mondo. L’idea è semplice, seppur geniale. Vivi in città? Ogni giorno hai problemi a trovare parcheggio? Non sai bene in che fasce orarie puoi accedere al centro città a causa delle zone ZTL? Vorresti avere la comodità di un tuo mezzo di trasporto ma vorresti anche evitare di pagare bollo, assicurazione, revisione e tutte quelle spese relative all’auto o al motociclo? Bene. La soluzione è CONDIVIDERE.

Le aziende di Car Sharing mettono a disposizione centinaia di auto e ciclomotori per ogni città che ognuno di noi può utilizzare semplicemente iscrivendosi e scaricando un’App. Alla necessità, tramite l’App, si prenota uno dei mezzi disponibili, lo si apre e si guida verso la destinazione desiderata senza preoccuparsi di pagare il parcheggio (perché compreso nella tariffa), senza preoccuparsi di zone ZTL o di strisce blu (perché comprese nella tariffa), senza preoccuparsi di spese quali bollo, assicurazione, etc…

A Torino, però, si è andato oltre. La compagnia Bluetorino, gruppo Bolloré, mette da oggi, a disposizione degli utenti registrati, 70 auto 100% elettriche (che diventeranno, a fine 2016, 120) in 55 diverse aree parcheggio attrezzate con colonnine di ricarica in differenti zone centrali della città sabauda. Trasporto flessibile, condiviso, sostenibile e, quindi, a zero emissioni di particelle sottili e CO2 – dirette – da parte dei mezzi. I posti auto messi a disposizione sono circa 220 e gli abbonati al servizio hanno assistenza garantita 24/7 in tutto il territorio cittadino, oltre a tutti i vantaggi che ho elencato in precedenza. Da provare.