martedì, 26 Maggio, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Artico da record: buco dell’ozono a livelli mai registrati

Valore record per il buco dell’ozono al Polo Nord. A differenza degli altri anni in cui questo fenomeno si registra in Antartide (Polo Sud) con maggiore intensità.

Il “buco” dell’ozono

Per quanto la definizione di “buco” dell’ozono possa far pensare alla presenza di una vera e propria “vacanza”, il fenomeno è da intendersi come la riduzione della concentrazione di ozono stratosferico. Questo fenomeno tende a manifestarsi in maniera più evidente ai due poli della Terra e principalmente in primavera.

Polo Nord, buco, ozono, ambiente, groenlandia, stratosfera, riduzione, Polo Sud, Artico, Antartide, Record, Energy Close-up Engineering
nasa.gov

Il fenomeno è stato osservato a partire degli anni ’80 a causa del’azione degli alocarburi. Gli alocarburi sono molecole in cui uno o più atomi di carbonio sono legati ad atomi alogeni (fluoro, cloro, bromo o iodio). Queste molecole catalizzano reazioni ozono-distruttive.

Ciclo dell’ozono e reazioni ozono-distruttive

Il tradizionale ciclo dell’ozono ha uno schema piuttosto semplice. La radiazione ultravioletta colpisce un atomo di ozono e libera un atomo di ossigeno formando ossigeno molecolare (reazione 1). L’atomo di ossigeno prodotto può reagire a sua volta con ossigeno molecolare a formare nuovamente ozono (reazione 3).

Polo Nord, buco, ozono, ambiente, groenlandia, stratosfera, riduzione, Polo Sud, Artico, Antartide, Record, Energy Close-up Engineering

La presenza degli alocarburi perturba questo equilibrio. Considerando per esempio il triclorofluorometano (freon-11) si sviluppa meccanismo ozono-distruttivo mostrato in figura. L’incidenza della radiazione ultravioletta libera un atomo di cloro (reazione 4) che è libero di attaccare una molecola di ozono e formare monossido di cloro (reazione 5). Il monossido di cloro reagisce infine con l’ozono a formare cloro e ossigeno molecolare (reazione 6).

Polo Nord, buco, ozono, ambiente, groenlandia, stratosfera, riduzione, Polo Sud, Artico, Antartide, Record, Energy Close-up Engineering

Questo meccanismo, che tende a trasformare l’ozono in ossigeno molecolare, rende nuovamente disponibile l’atomo di cloro, che è libero di ripetere il ciclo.

Per ridurre l’impatto degli alocarburi sull’ozono stratosferico, il 16 settembre 1987 è stato firmato il Protocollo di Montreal che è entrato in vigore nel successivo 1989. Grazie a questo protocollo e alle misure messe in atto si erano registrati trend di decrescita per il fenomeno.

La scoperta sul buco dell’ozono

Polo Nord, buco, ozono, ambiente, groenlandia, stratosfera, riduzione, Polo Sud, Artico, Antartide, Record, Energy Close-up Engineering
nature.com

Il buco dell’ozono sull’Artico, misurato con l’ausilio di palloni sonda, si estende su una superficie grande tre volte la Groenlandia. Mai si era assistito ad una riduzione della concentrazione di ozono pari a circa il 90%, a 18 km di quota. Freddo intenso e vortici polari sembrano essere le cause principali.

Una fonte di pericolo?

La probabilità che, nelle prossime settimane, il fenomeno possa interessare aree più popolate a latitudini più basse è piuttosto bassa. Anche in tal caso, il problema dovrebbe essere di facile gestione, afferma Markus Rex, uno scienziato in forza all’Alfred Wegener Institute in Potsdam (Germania) e coordinatore dello studio.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Rosario Tolomeohttps://energycue.it
Laureato in Ingegneria Chimica. Ingegnere di processo e consulente prima, PhD Student in Industrial Engineering su veicoli elettrici e batterie ora. Autore su #EnergyCuE da Maggio 2019. Appassionato di tecnologia, scienza, Giappone, energia e sostenibilità a tutto tondo.