martedì, 29 Settembre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Batteria ibrida di Nemesys, oltre l’accumulatore al Litio, oltre la Fuel Cell

Batteria ibrida o meglio una Tecnologia innovativa brevettata dalla start-up Nemesys: oltre agli accumulatori al Litio, oltre le Fuel Cell.

La batteria ibrida potrebbe rappresentare il futuro della ricarica dei motori elettrici non connessi ad una linea di alimentazione. Ed è per questo che la tecnologia innovativa brevettata dalla giovane start-up Nemesys ha vinto numerosi premi. La società italiana, infatti, oltre ad essere stata selezionata tra le 16 startup di MCE4X4 2018, ha vinto la quarta edizione di Next Energy. Quest’ultimo è il programma promosso da Terna, Fondazione Cariplo e Cariplo Factory per sostenere lo sviluppo di progetti innovativi con tema energia.

La start-up Nemesys e il brevetto della batteria ibrida

Nemesys (o New Mobility Electric System) è una start-up innovativa che ha ideato e prodotto speciali accumulatori di energia per la mobilità sostenibile e storage massivi. In base a quanto si trova scritto sul loro sito, “la batteria ibrida ha tutti i vantaggi della fuel-cell; tuttavia ha un doppio sistema di ricarica che funziona sia mediante iniezione di idrogeno a bassa pressione, sia collegandosi alla rete elettrica”.

Nel campo della mobilità sostenibile, le aspettative sono tantissime. Le politiche internazionali, e soprattutto europee, spingono ogni giorno di più verso la riduzione delle emissioni inquinati attraverso energie rinnovabili, smart-grid urbane ed elettrificazione dei consumi energetici.

batteria ibrida, batteria, accumulo, energia elettrica, fuel cell, cella a combustibile, rete elettrica, mobilità, veicolo elettrico, auto, auto elettrica, energy close-up engineering
nemesysenergy.com

Al momento, le possibilità tecnologiche di sviluppo sono chiare. Da una parte ci sono le batterie al Litio o similari, sempre più efficienti seppur con i loro limiti tecnico-economici. Dall’altra ci sono le celle a combustibile, o fuel cell, basate sullo sfruttamento dell’idrogeno. In sostanza, la mobilità del futuro, secondo esperti ed analisti scientifici, si orienterà su una o su entrambe le tecnologie su dette. Oppure, come brevettato da Nemesys, si potrebbe puntare su un mix tra le due: la batteria ibrida.

Batteria ibrida in che senso?

Gli accumuli di energia elettrica, come anche le fuel cell, producono elettricità in corrente continua. Tuttavia, nelle batterie convenzionali l’energia elettrochimica viene completamente accumulata al loro interno; nelle celle a combustibile, invece, l’energia elettrochimica è prelevata sia dai serbatoi di idrogeno che dall’ossigeno presente nell’aria.

Come per una normale combustione in motori endotermici, le celle a combustibile non trasportano tutto il loro contenuto energetico. Infatti, una buona parte è prelevato dall’aria, rendendo la tecnologia molto più leggera rispetto a batterie normali. D’altra parte, i veicoli elettrici dotati di fuel cell non possono essere utilizzati senza la presenza di erogatori di idrogeno. La tecnologia brevettata da Nemesys supera, come nelle fuel cell, il limite fisico del contenuto energetico che è necessario trasportare, ma allo stesso tempo il suo utilizzo risulta possibile e competitivo anche in assenza di infrastrutture di ricarica d’idrogeno poiché è possibile ricaricare la batteria ibrida anche attraverso una normale presa elettrica.

batteria ibrida, batteria, accumulo, energia elettrica, fuel cell, cella a combustibile, rete elettrica, mobilità, veicolo elettrico, auto, auto elettrica, energy close-up engineering
nemesysenergy.com

La cella elettrolitica in questione consente un recupero di energia elettrica durante il processo di produzione dell’idrogeno, superando gli obiettivi di efficienza Eu al 2030 (48kWh/kgH2). Il prototipo non utilizza metalli preziosi, né costose membrane PEM (polymer-electrolyte membrane), come avviene invece nelle attuali soluzioni di mercato e, per questo, si ha un costo di realizzazione inferiore e più competitivo.

Possibili applicazioni

La batteria ibrida o, come da Nemesys definita, la batteria all’idrogeno a pronta ricarica ha mille applicazioni. Leggerezza, alta autonomia e velocità di ricarica sono caratteristiche fondamentali per molti, moltissimi impieghi:

  • veicoli elettrici di ogni tipologia, da mezzi pesanti ad automobili, passando per autobus e mezzi pubblici;
  • moto elettriche;
  • biciclette a pedalata assistita;
  • utensili da lavoro di ogni tipo;
  • regolazioni di reti elettriche;
  • cellulari e strumentazione elettronica;
  • droni, robot e giocattoli elettronici.

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Lorenzo Rubino
Laureato magistrale a 24 anni in ingegneria energetica al PoliTO. Esperto in efficienza energetica industriale, commerciale, residenziale. Progettista tecnico di impianti rinnovabili e tradizionali. Responsabile di #EnergyCuE da marzo 2015. Appassionato di nuove tecnologie e policy, soprattutto se finalizzate alla sostenibilità della produzione di energia. Mi sento curioso, riflessivo ma anche spontaneo, diretto e pragmatico, da buon ingegnere!