giovedì, 22 Ottobre, 2020

SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Auto Made in Italy, Solare e Low-Cost: Archimede 1.0 – Parte I

L’Associazione “Futuro Solare Onlus” nasce a Siracusa, in Sicilia, nel 2005 da un gruppo di amici che hanno cominciato a progettare e costruire biciclette elettriche alimentate da energia solare mettendo su un “vero e proprio garage/fab-lab in versione mediterranea”. Stefano Plumeri, studente di ingegneria industriale dell’Università di Catania, è uno dei responsabili del progetto. Con l’aiuto di tutti i componenti del team di Futuro Solare da tempo sta lavorando alla realizzazione del primo prototipo low cost di autovettura elettrica alimentata da conversione fotovoltaica, ARCHIMEDE 1.0! Ecco a voi la prima parte dell’intervista in esclusiva al leader dell’associazione.

energia, auto, solare, fotovoltaico, Italy, Italia, energia rinnovabile, sostenibilità, futuro solare onlus, Close-up Engineering
facebook.com/FuturoSolareOnlus

Come è nata l’idea di questa Associazione Onlus ingegneristica?

In Università si effettuano ricerche distanti dalla realizzazione e distribuzione su larga scala in quanto l’impiego di materiali e tecnologie sperimentali produce prototipi dai costi proibitivi, quindi difficilmente reperibili sul mercato popolare. L’idea alla base del nostro progetto è anche la mission dell’associazione stessa e si traduce in sperimentazione. Combinando, infatti, in modo differente materiali comuni, reperibili sul mercato e dai costi contenuti, si realizza un prodotto finale alla portata di tutti. Parallelamente alle attività di ricerca l’associazione promuove, inoltre, campagne di informazione, divulgazione e sensibilizzazione focalizzate sul tema delle energie rinnovabili e della mobilità sostenibile, in particolar modo nelle scuole.

Da un punto di vista pratico come siete arrivati alla costruzione del prototipo di Archimede 1.0 e a quali obbiettivi vi siete ispirati in fase di progettazione?

La realizzazione del prototipo Archimede 1.0 ha seguito un iter di quattro fasi progettuali:

  1. Ricerca e studio di materiali applicabili allo sviluppo di telai e componenti meccanici strutturali del prototipo leggeri resistenti e riciclabili;
  2. Ricerca e studio di sistemi di recupero dell’energia cinetica e termica;
  3. Studio e ricerca di architetture aerodinamiche per realizzare la scocca del prototipo;
  4. Ricerca e studio in campo elettronico per realizzare controller e sistemi di gestione dell’energia ad alta efficienza.

Fornire un’ampia superficie esposta all’irraggiamento solare diretto per l’istallazione delle celle solari, riuscire a utilizzare materiali di uso comune leggeri e resistenti alle sollecitazioni e tecnologie a basso costo con un elevato indice di riciclabilità sono stati i principali obbiettivi ai quali ci siamo ispirati durante la progettazione.

energia, auto, solare, fotovoltaico, Italy, Italia, energia rinnovabile, sostenibilità, futuro solare onlus, Close-up Engineering
facebook.com/FuturoSolareOnlus

Sono certo che avete affrontato non poche sfide. Quali le più importanti?

Sì, è vero. In fase realizzativa abbiamo dovuto affrontare numerose sfide. Ad esempio rientrare nel budget iniziale che ci eravamo prefissati per la realizzazione del veicolo – 15.000 €; gestire e ottimizzare la potenza ricavata dai pannelli fotovoltaici e cercare di rendere il sistema costruttivo il più semplice possibile.

Quanto tempo necessita l’intera realizzazione del veicolo?

Dal momento della progettazione e verifica dei dati su cad e software di simulazione fino alla realizzazione del veicolo sono stati necessari quattro anni di studi e lavori.

Ci descrivi i materiali scelti per Archimede 1.0?

Il materiale utilizzato per la realizzazione della scocca è stato ideato e brevettato all’interno della nostra associazione ed è un composito costituito da fibra di carbonio, fibra di vetro e kevlar; all’interno di questo “sandwich” è presente un’alveolare d’alluminio che garantisce una maggiore rigidezza del materiale. Il telaio è stato interamente realizzato in alluminio scelto non solo per la sua “leggerezza” ma anche perché non soffre del problema della ruggine e dell’indebolimento tipico delle zone interessate dalla saldatura.

A cosa vi siete ispirati per l’aerodinamica?

Il prototipo è lungo 4,5 m e largo 1,8 m e offre 6 m2 di superficie per le celle fotovoltaiche installate nella parte superiore della vettura. L’aerodinamica del veicolo s’ispirata al profilo alare degli aeromobili ed è stata studiata per minimizzare il cx tramite simulazioni e verifica dei risultati in galleria del vento mediante una prototipazione 3D in scala 1:10 in polistirene. Abbiamo progettato il gruppo sospensioni del veicolo tenendo conto dell’impiego esclusivo in strade asfaltate. Sono state utilizzate due differenti soluzioni per anteriore e posteriore. Per il gruppo sospensioni anteriore, la nostra scelta è ricaduta su un sistema a quadrilatero deformabile mentre per le sospensioni posteriori ci siamo ispirati ai forcelloni oscillanti bi-braccio simmetrico di derivazione motociclistica.

CONTINUA L’INTERVISTA QUI!

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su energycue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Lorenzo Rubino
Laureato magistrale a 24 anni in ingegneria energetica al PoliTO. Esperto in efficienza energetica industriale, commerciale, residenziale. Progettista tecnico di impianti rinnovabili e tradizionali. Responsabile di #EnergyCuE da marzo 2015. Appassionato di nuove tecnologie e policy, soprattutto se finalizzate alla sostenibilità della produzione di energia. Mi sento curioso, riflessivo ma anche spontaneo, diretto e pragmatico, da buon ingegnere!