Home » Allarme smog a Milano: ieri era la terza città con la peggiore qualità dell’aria al mondo

Allarme smog a Milano: ieri era la terza città con la peggiore qualità dell’aria al mondo

Milano è attualmente la terza città al mondo per livelli di inquinamento, con un drastico aumento di PM10 e PM2.5 dovuto a fattori climatici e umani. Le autorità consigliano precauzioni sanitarie e si sottolinea l'urgenza di strategie sostenibili per migliorare la qualità dell'aria.

Categorie Ambiente · Cambiamento climatico
Vuoi leggere tutti gli articoli del network (oltre 10.000) senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Milano si trova di fronte a un serio problema di inquinamento atmosferico, con livelli di smog che non accennano a diminuire, causando preoccupazione tra i residenti e le autorità. Dopo una breve pausa dovuta alle piogge, che avevano temporaneamente ridotto i livelli degli inquinanti, la qualità dell’aria è rapidamente tornata a livelli preoccupanti.

Allarme smog a Milano: la città superata solo da Lahore in Pakistan e Dacca in Bangladesh

Allarme smog a Milano
Contains modified Copernicus Sentinel data (2024), processed by ESA, CC BY-SA 3.0 IGO

I dati rilasciati dall’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (Arpa) e pubblicati sul portale “Infoaria” della Regione Lombardia mostrano un drastico aumento dei livelli di Pm10 e Pm2.5, particelle sottili che possono penetrare profondamente nei polmoni e nel flusso sanguigno, causando vari problemi di salute.

Secondo il sito svizzero IqAir, specializzato nel monitoraggio della qualità dell’aria a livello globale, la concentrazione di Pm2,5 a Milano è stata “13,5 volte il valore guida annuale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulla qualità dell’aria.” Inoltre, l’indice Aqi (Air Quality Index), un indicatore che misura il livello di inquinamento, ha raggiunto livelli allarmanti, classificando Milano come la terza città peggiore al mondo per qualità dell’aria in determinati giorni, superata solo da Lahore in Pakistan e Dacca in Bangladesh. Questi dati sottolineano l’urgente necessità di affrontare il problema dell’inquinamento atmosferico a Milano, non solo per la salute dei suoi cittadini ma anche per ridurre l’impatto ambientale generale.

Le cause dell’allarme smog a Milano

Allarme smog a Milano

La situazione geografica e climatica della Pianura Padana, dove si trova Milano, gioca un ruolo significativo nell’elevato livello di inquinamento. La zona è caratterizzata da scarsa ventilazione e circolazione d’aria a causa della sua posizione, circondata per tre lati da montagne (Alpi e Appennini), che trappola gli inquinanti atmosferici all’interno della pianura.

Le condizioni meteorologiche, come la mancanza di pioggia e il poco vento, aggravano ulteriormente la situazione, permettendo agli inquinanti di accumularsi nell’aria. Anche l’alta densità di popolazione e il conseguente alto traffico veicolare contribuiscono significativamente all’inquinamento atmosferico, così come il riscaldamento domestico e le attività industriali.

Un altro fattore spesso sottovalutato è l’agricoltura intensiva e gli allevamenti presenti nella regione, che, secondo studi di Greenpeace, contribuiscono in modo significativo all’emissione di particolato fine (Pm2.5), superando persino le emissioni provenienti dal traffico veicolare.

Consigli per la popolazione

Di fronte a questa situazione critica, è fondamentale adottare misure preventive per proteggere la propria salute. Tra i consigli forniti dalle autorità sanitarie vi sono l’evitare l’esercizio fisico all’aperto nei giorni di elevato inquinamento, tenere chiuse le finestre per non far entrare l’aria inquinata nelle abitazioni, indossare mascherine protettive quando si è all’esterno e considerare l’acquisto di purificatori d’aria per gli ambienti interni.

È chiaro che la lotta contro l’inquinamento atmosferico richiede un approccio multidisciplinare che coinvolga non solo le autorità locali e nazionali ma anche i singoli cittadini, attraverso la promozione di stili di vita sostenibili e la riduzione delle fonti di inquinamento. Investire in tecnologie pulite, potenziare i sistemi di trasporto pubblico e incoraggiare l’uso di fonti energetiche rinnovabili sono solo alcuni dei passi necessari per migliorare la qualità dell’aria a Milano e in altre aree urbane simili.

Lascia un commento